Press release my40 - tuttobarche magazine

FOUNTAINE PAJOT MY 40. DOPPIO SCAFO, SPAZI DOPPI

Il principio su cui si basano i multiscafi da crociera, di ultima generazione, è quello di riuscire a offrire superfici e volumi vivibili paragonabili a quelli che si possono trovare su imbarcazioni a scafo unico, di una lunghezza maggiore. Se questo concetto è applicato da molti anni sul segmento a vela, anche nelle imbarcazioni a motore sta prendendo sempre più piede e, il nuovo catamarano a motore di Fountaine Pajot , il MY 40, ne è un chiaro esempio.

Ed è proprio questo che abbiamo percepito al salone di Duesseldorf , durante la sua premiere mondiale. Osservando infatti la dinette ed il Fly da poppa, non conoscendo ancora con precisione le misure, la prima impressione è stata quella di trovarci di fronte ad un’imbarcazione di almeno 50 piedi.

Salendo a bordo le sensazioni non cambiano e capisco che il vero lusso di questa imbarcazione, non è dato dai materiali impiegati o dalle finiture con cui è realizzato, che sono di medio livello, ma è la sua comodità.

Il Flybridge del Fountaine Pajot MY 40, coperto da un T-top, stupisce per la sua superficie (17 m²) e per come è attrezzato, un ambiente davvero indipendente. E’ dotato di un tavolo con divano, perfetti per gustarsi un aperitivo, che può essere preparato direttamente sul mobile bar adiacente, poiché dotato di un piano da lavoro con lavandino, frigorifero e opzionalmente da un piano cottura.

Più a prua si trova la consolle di comando all’aperto e un prendisole che può trasformarsi in una seduta comoda durante la navigazione. L’unico piccolo neo di questo ambiente è la scala per raggiungerlo, in discesa dà la sensazione di non essere molto avvolgente.

A prua dell’ MY 40 si trova un ulteriore ambiente prendisole, completamente all’aperto. Composto da lunghe sedute reclinabili, lo abbiamo particolarmente apprezzato perché facile da raggiungere. I passavanti di destra e di sinistra, nonostante la grande struttura centrale, sono larghi e facilmente percorribili.

La dinette interna è composta da una spaziosa cucina ad U situata nella parte destra, appena più a prua si trova la consolle di comando, mentre dalla parte opposta è attrezzato un tavolo di grandi dimensioni circondato da un divano e da comode sedie imbottite. Quello in cui ci troviamo è un ambiente che può essere paragonabile a un loft, viverlo anche con la presenza di molte persone non sembra affatto un problema.

Dalla dinette si accede, tramite due scale separate, alla zona notte di entrambi gli scafi. Lo scafo sinistro è una sintesi perfetta dell’abbondanza di spazi che questa tipologia di imbarcazioni vuole offrire, è ad uso esclusivo dell’armatore ed è completo di cabina e bagno privato. Si tratta di una vera suite dotata di ogni confort, come ampie armadiature, un tavolo da lavoro e un bagno diviso in due ambienti, dotato di un grande box doccia separato.

Nello scafo destro del Fountaine Pajot MY 40 si trovano invece le cabine ospiti che condividono un bagno centrale, anche questo dotato di zona doccia separata. Le due cabine sono entrambe doppie, quella di poppa ha un letto matrimoniale centrale, quella di prua è invece attrezzata con un letto a castello, le cui brande sono di ottime dimensioni.

Le motorizzazioni disponibili per equipaggiare il MY 40 sono due. Quella standard è composta da due Volvo da 300 CV – IPS 400, mentre quella opzionale di due Volvo da 370 CV – IPS 500 che dovrebbe garantire quella potenza in più per avvicinare le prestazioni del catamarano, ad una barca a scafo singolo, nelle andature da crociera.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Astréa 42 - EUROPEAN YACHT OF THE YEAR award
Astréa 42 - EUROPEAN YACHT OF THE YEAR award
Precedente
Dufour 430 GL, quando la comodità è purosangue Grand Large
Dufour 430 GL, quando la comodità è purosangue Grand Large
Successiva